allestimenti, spazi espositivi e fiere

Navigando nel sito puoi trovare il regesto completo delle opere realizzate (vai a PORTFOLIO LAVORI) sia che si tratti di progetti di architettura che di progetti di design; così come le immagini divise per singole categorie rappresentative del nostro modo di operare nonché del tipo di commesse lavorative con cui ci siamo confrontati

08 progetti, 02 realizzazioni

  • Mostra Luise Nevelson – studio fattibilità Roma 2013
  • Fiera Country – studio fattibilità Nepi 2012
  • Yeosu – EXPO’ COREA 2012 nuovo padiglione italiano – studio fattibilità Yeosu-Corea 2011 con arch. A.Timpano, L. Gandellini
  • Venlo- HOLLAND 2012 nuovo padiglione italiano expo’ floreale – studio fattibilità Venlo-Olanda 2011 con arch. A.Timpano, L. Gandellini
  • Bio Parco: nuovo concetto di chiosco per vendita al dettaglio – Roma 2006
  • stand Garnier per K Events studio fattibilità Milano 2003
  • 7sky box-Palalottomatica: sponsor’s lounge
  • Allestitì: concorso di idee per un allestimento espositivo destinato ad un’azienda vinicola Roma 2003

lo stare
insieme

La progettazione di uno spazio pubblico nasce dalla contemporaneità di due fattori: la necessità di un layout teso a massimizzare metri quadrati o lineari per il miglior sviluppo dell’attività, ma anche e soprattutto nel creare un‘immagine adeguata.
Tale immagine la enfatizzerà e ne permetterà lo sviluppo. Il contributo dello Studio risiede proprio nell'individuare quell'immagine più adatta allo sviluppo dell’attività attraverso layout distributivi, personalizzazione di ambienti ed arredi così da consentire sin dall'opening al cliente di sentirsi in uno spazio a lui congeniale dove voler tornare ed al gestore di poter contare su di uno strumento attuale ed efficace per il proprio business.

 

luca braguglia

architetto

…credo che il progetto di architettura sia la disciplina più idonea per coniugare fantasia e rigore, esperienza od innovazione con la manualità, vero principio ispiratore del mio agire.
Ciò mi ha permesso di comprendere la vera natura del mestiere, agendo nei contesti più diversi e potendo fare architettura anche quando i materiali a disposizione risultano essere solamente la luce e lo spazio. Questa chiarezza nell'agire mi ha accompagnato per trent'anni di attività professionale; anni ispirati ad un principio di sano ed intimo divertimento da condividersi via via con colleghi, artigiani o committenti.